Ti senti stanco? Me lo racconta il tuo piede!

I disturbi dell’umore si presentano con  alcune caratteristiche comuni: disturbi del  sonno, perdita di interesse verso le attività quotidiane, incapacità di gioire, scarso o eccessivo appetito, anergia, svalutazione e sensi di colpa, apatia, tendenza a isolarsi.., la persona si trova così in stato di sofferenza e tristezza. Il suggerimento per il riflessologo è quello di scuotere vigorosamente mani e piedi per almeno 15 secondi, donando energia vitale alla personache è energeticamente scarica, in modo da riattivare i meridiani che partono e arrivano alle dita delle mani e dei piedi. Il ricevente inoltre, una volta acquisita la tecnica potrà ripetere questa pratica anche da solo.

Il riflessologo si troverà davanti a piedi molli, svuotati, che presentano spesso il cedimento dell’arco plantare. Il massaggio dovrà iniziare in modo dolce per entrare brevemente in empatia con la persona trattata, egli non deve di certo sentirsi aggredito dal tocco, ma questo dovrà diventare energico e tonificante. Le persone che hanno bisogno di ricaricarsi energeticamente hanno infatti bisogno di sentirsi stimolate, di sentire forza e potenza nel trattamento. Le mani del riflessologo devono essere sicure e trasmettere al piede questa forza.

Sarà necessario trattare tutto l’apparato scheletrico, il sistema endocrino e gli organi emuntori, nei trattamenti successivi anche il sistema linfatico per intero, in quanto la persona che si sente giù di umore ha una risposta immunologica bassa. Se il ricevente è loquace è necessario dopo i primi 20 minuti circa invitarlo ad ascoltarsi e a rilassarsi, se al contrario è silenzioso, sarà bene invitarlo a parlare nella prima fase della terapia. Importante fare veicolare il pensiero positivo, invitare la persona a riflettere su fatti positivi  e sul significato  e l’importanza della malattia nel nostro piano evolutivo.

Non esiste infatti consapevolezza senza conoscenza, e la comprensione del nostro compito terreno è fondamentale per comprendere un tipo di malattia che per alcuni è considerato il distacco dell’anima dalla personalità che non vuole seguire il suo percorso evolutivo.

La riflessologia plantare non si occupa di  medicina e di cura di patologie; si occupa di benessere, avvia un processo di auto rigenerazione generale, questa tecnica non è scientificamente provata, ma sono certa che l’esperienza dei seri e coscienziosi studiosi di riflessologia  abbia  immenso valore.

Manuale di Riflessologia Plantare Manuale di Riflessologia Plantare 

Gabriella Artioli

Compralo su il Giardino dei Libri

Riflessologia Plantare Claudio Santoro Riflessologia Plantare 

Teoria e Tecnica

Claudio Santoro

Compralo su il Giardino dei Libri

Gaobi.


Puoi lasciarmi un commento, o un rimando dal tuo sito.

2 Responses a “Ti senti stanco? Me lo racconta il tuo piede!”

  1. That is a good tip especially to those new to the blogosphere.
    Simple but very accurate info… Thank you for sharing this one.
    A must read article!

  2. Franklin scrive:

    I am actually grateful too the holder of this site who has shared this
    great article at at this place.

Lascia un commento