Caratteristiche degli oli essenziali.

  • Insolubile in acqua
  • Solubile in alcool, etere, cloroformio ed in tutti gli oli grassi o stabili.
  • Altamente infiammabile.
  • Peso specifico inferiore a quello dell’acqua, salvo rare eccezioni

Analizzati, presentano da 100 a 400 componenti diversi, il prevalere di uno di questi ne determina il Chemiotipo  (CT) , che sarà quello che ne indirizza l’impiego nella pratica terapeutica.

Proprietà generali degli oli essenziali

Antisettiche si oppongono allo sviluppo dei germi e li uccidono. Il vantaggio dell’utilizzo degli o.e. è che non interferiscono con i tessuti sani, che non sviluppano ceppi resistenti, rinforzando le difese organiche

Antinfiammatorie

Antitossiche inattivano i prodotti di deterioramento delle cellule

Antivelenose neutralizzano il veleno di vespe, ragni

Cicatrizzanti stimolando l’irrorazione sanguigna, la produzione di globuli rossi e di leucociti

Antiparassitarie allontano insetti e parassiti

Antireumatiche

Antinevralgiche

Tonificanti agiscono sulle ghiandole endocrine, ed in particolare sulla corteccia surrenale

Ormonali regolano ed equilibrano il funzionamento delle ghiandole endocrine

Stimolanti molte essenze sono specificatamente stimolanti sessuali

Antispastiche efficaci in caso di spasmi viscerali, gastrici, efficaci contro le coliche

Il grado di volatilità delle essenze concorre a determinare il criterio di classificazione delle stesse. Nell’800 , Piesse elaborò un sistema di classificazione che abbinava una nota musicale ad un profumo specifico. Per chi si occupa di medicina energetica e di aromaterapia sottile, è un abbinamento “ovvio” perché l’olio viene applicato in quanto “frequenza”, ma anche per il neofita, partecipando ad un seminario , è possibile “ascoltare” una scala olfattiva dalla nota bassa e grave del Vetiver a quella acuta e leggera del Pompelmo, come si ascolterebbe l’esecuzione di una scala al pianoforte. Molti autori hanno disegnato questa scala in base la tasso di volatilità delle essenze, altri hanno tenuto conto del loro effetto sulla psiche. Non è una classificazione matematica, e spesso un olio ha in sé caratteristiche di più tipologie.  La scala di evaporazione, in ordine decrescente, comprende tre classi o toni:

Superiore Superiore (o di testa): effetto stimolante e rinfrancante

Medio (o di cuore): effetto riequilibrante sia sul piano fisico che psichico

Base (o di base): effetto rilassante e sedativo.

 

Le Fragranze dell'Anima Osho Le Fragranze dell’Anima

Incensi e meditazione

Osho

Compralo su il Giardino dei Libri

L'Aromaterapia Laura Cozzi Mara Bertona L’Aromaterapia

Laura Cozzi, Mara Bertona

Compralo su il Giardino dei Libri

Mappa di Aromaterapia Mappa di Aromaterapia

Come utilizzare nel modo migliore tutte le proprietà degli oli essenziali per prevenire e curare numerosi disturbi

Compralo su il Giardino dei Libri

Aromaterapia Naturopatica Aromaterapia Naturopatica

Luca Fortuna

Compralo su il Giardino dei Libri

Il Grande Manuale dell'Aromaterapia Marco Valussi Il Grande Manuale dell’Aromaterapia

Fondamenti di scienza degli oli essenziali

Marco Valussi

Compralo su il Giardino dei Libri

Gaobi.


 

 

 


Puoi lasciarmi un commento, o un rimando dal tuo sito.

Lascia un commento